Sezione Fiction

photo-1417024321782-1375735f8987SEZIONE FICTION
6 INCONTRI a cura di Katia Colica

– Definizione di storie fiction e non fiction. Dalla parte di chi scrive: luogo, visione, motivazione. Metamorfosi: dall’immagine mentale a quella scritta. Differenza tra fabula e intreccio, definizione di tempo e spazio di un racconto, importanza dell’incipit, i tipi di finale. Valore del viaggio (fisico e mentale). I gesti nella descrizione. Il ritmo come strumento espressivo.

– Rapporto fra scrittore e personaggi: rischi e opportunità. Personaggi primari e di sfondo. Discorso diretto e indiretto: quale scegliere? La regola dello show, don’t tell. Rafforzare le proprie risorse letterarie: gestione dell’ispirazione e degli spunti. Significante e significato: l’archetipo nelle narrazioni. Rischi da evitare: ridondanze, esuberanze, stucchevolezze ottocentesche e loro antidoti. Il blocco dello scrittore: strumenti e metodi pratici. – Osservazione del contesto: scrivere con i sensi. Luoghi e simbologia: apertura, asfissia, conforto, tensione e altre suggestioni date dal contesto. Coerenza narrativa nella trama (tempi, nomi, date, ecc): strumenti e metodi. Il cliffhangher.

– La scrittura per il teatro: le forme drammaturgiche, dialoghi e monologhi. I rischi dell’infodumping. Lo spazio e il tempo nel teatro. Sviluppo del “pitch” e del “logline”. – La poesia: scelta delle parole, il ritmo poetico. Lettura e correzione delle storie: riscrittura, differenza tra editing e correzione bozze. Perché tagliare e modificare non è un’operazione di inclusione ma di addizione e appartenenza. – Come presentare un nostro elaborato alle case editrici. Come fare una scheda di presentazione. Guida pratica alla scelta di una casa editrice.

LABORATORI PRATICI:

Esercizi sul rapporto coi personaggi: trasformazione del punto di vista. Obiettivi: Consapevolezza della personalità e dell’autorità dei personaggi in un testo. Capire quando i personaggi esistono o non esistono.

Esercizi per superare il blocco dello scrittore. Obiettivi: oltrepassare il problema dell’autocensura e la difficoltà di ascoltare i personaggi. Cosa porre al centro e cosa ai margini del processo.

Esercizi sul superamento dell’IO dominante. Obiettivi: migliorare l’attenzione verso l’esterno, privilegiare la comunicazione con se stessi, ri-evocare se stessi per accompagnare e non dominare la scrittura.

Esercizi sullo stile: raccontare la stessa storia con stili diversi. Obiettivo: raggiungere consapevolezza su tempi, punteggiatura, musicalità.